Stili relazionali e comunicativi nel rapporto con le famiglie

 

di Tiziana Chiappelli

Docente a contratto di Pari opportunità e genere e di Pedagogia di comunità, Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze

 

Il percorso formativo “Culture dell’accoglienza strategie dell’incontro: stili relazionali e comunicativi nel rapporto con le famiglie” ha affrontato il tema di come creare e sostenere un clima relazionale positivo e costruttivo tra servizi alla prima infanzia e le famiglie delle bambine e dei bambini del Comune di Firenze tenendo conto della presenza di ambienti famigliari e sociali diversificati e con stili di vita, attitudini, preferenze, aspettative, desideri e timori differenti.

Attraverso una riflessione comune e un approccio metodologico che parte dalle esperienze quotidiane degli insegnanti e degli operatori degli asili sono stati affrontati i temi relativi alla comunicazione interpersonale e agli stili relazionali in ambiente multiculturale privilegiando l’adozione di metodologie inclusive e partecipative informate degli apporti degli studi interculturali.

Una particolare attenzione è stata posta all'approccio narrativo e biografico per stimolare l’auto-osservazione e l’auto-riflessività del personale coinvolto in relazione al proprio agire pedagogico nel rapporto tra servizi all’infanzia e genitori.

Il filo conduttore è stato l’utilizzo di una pluralità di linguaggi e codici e la stimolazione del lavoro di gruppo per la costruzione di un sapere comune, nel quadro di riferimento del pensiero divergente, dell’ascolto attivo, della gestione creativa dei conflitti.

 

Bambini, n. 1, gennaio 2019, pp. 16-21 

 

Vuoi acquistare il fascicolo?

Vuoi abbonarti alla rivista?


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.