La tenerezza non fa rumore

a cura di Alessia Agliati

––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Le cose più belle del mondo

non possono essere viste e nemmeno toccate.

Bisogna sentirle con il cuore

Helen Keller

––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

 

L’attenzione degli adulti per il mondo emotivo dei bambini si manifesta, negli ultimi anni, in una molteplicità di segnali: progetti di educazione emotiva fioriscono nelle scuole, a partire dai servizi per la prima infanzia; in continuazione si pubblicano libri su questi argomenti; gli esperti vengono invitati a incontrare i genitori per supportarli nel loro difficile compito di regolazione emotiva dei piccoli. Di emozioni si parla molto… Tuttavia le domande ricorrenti e le preoccupazioni maggiori riguardano la carenza di strumenti e strategie degli adulti per intervenire nella regolazione delle emozioni “negative” dei piccoli. Si parla del disorientamento degli adulti di fronte alle esplosioni di collera e rabbia dei piccoli, quindi della “paura” dei loro conflitti e dei comportamenti aggressivi. E ancora si spendono parole e riflessioni sull’incapacità dei bambini di tollerare la frustrazione nei fallimenti e poi si parla delle paure dei piccoli e di come proteggerli o accompagnarli nelle situazioni dolorose. Poco spazio invece è riservato alle emozioni positive prosociali quelle che “fanno bene” a se stessi e fanno “stare bene” gli altri, come la tenerezza, la gentilezza, la cura, la premura. Troppo spesso date per scontate o ritenute “naturali”, le emozioni positive prosociali costituiscono le fondamenta delle relazioni, ne promuovono la trasformazione e la vitalità e sono quindi alla base del benessere individuale e collettivo.

Gli autori che intervengono in queste pagine ci accompagnano a comprendere come la pratica educativa possa fare spazio alla tenerezza e alla premura tra i bambini. Nei loro contributi si evidenzia l’imprescindibile intreccio tra ricerca, formazione e pratica educativa e si sottolinea come l’educazione emotiva rappresenti un compito delicato e complesso per gli adulti. Si valorizza la necessità di aggiornare e condividere conoscenze e saperi perché la pratica non si improvvisi e, soprattutto, si invita ad affinare lo sguardo… verso ciò che “non fa rumore”.

 

Abbonamento Bambini

Per acquistare il fascicolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.