Le parole dell'educazione
 
"Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una e la guardo fino a quando non comincia a splendere"
Emily Dickinson

 

La rubrica di Bambini riprende alcune tra le parole più significative dell'educazione, ripercorrendone i significati e aprendo a nuove stimolanti riflessioni  

 

Arte

Marco DallariGià professore ordinario di Pedagogia Generale e Sociale all’Università di Trento

 

Il filosofo Dino Formaggio (1981) afferma che “arte è tutto ciò che gli uomini chiamano arte” sottolineando la relatività storica e il valore contingente di ciò che può essere indicato con questo termine.

Per il Vocabolario Treccani della lingua italiana arte è, in senso lato, “capacità di agire e di produrre, basata su un particolare complesso di regole e di esperienze conoscitive e tecniche”. Questa definizione mette giustamente in crisi l’antica distinzione fra arti “alte” (o arti liberali) e arti “basse” e comprende dunque non solo le opere che vediamo nei musei e nelle gallerie ma anche quelle di artigiani, designer, illustratori, fotografi, stilisti…

Francesco Poli, critico d’arte, nel volume Il sistema dell’arte contemporanea (2010) ci mostra quali sono i meccanismi e i processi socio-culturali attraverso i quali avviene la legittimazione (o il non riconoscimento) dell’arte e dei suoi artefici. In passato erano i committenti (i governanti o i rappresentanti dell’autorità ecclesiastica) a scegliere gli artisti e a pagare non solo le loro opere ma anche la loro formazione. Oppure erano le Accademie, a partire dall’Accademia e compagnia dell’arte del disegno, fondata da Cosimo I de’ Medici nel 1563 e sviluppatesi poi in tutta Europa, a dettare i “canoni” dell’arte avendo funzione di formazione degli artisti e di selezione di coloro, che in riferimento a quei canoni, venivano riconosciuti come meritevoli. A partire dalla seconda metà dell’Ottocento, con la rivoluzione degli anticanonici impressionisti e in seguito alle provocazioni delle avanguardie, il sistema cambia completamente e la collaborazione (a volte anche conflittuale) di mercanti e critici prende il sopravvento nei processi di legittimazione e promozione degli artisti e delle loro opere. Gallerie, case d’asta, fiere, editoria, musei, artisti, mercanti, critici, direttori museali, collezionisti costituiscono nel Novecento una rete di sinergie, un sistema, appunto, che fa emergere o rimanere nell’oblio opere e autori. Occorre però che i contenuti, i valori, le idee che le opere esprimono siano storicamente leggibili. Occorre cioè che nel clima storico quelle idee e quei valori siano rintracciabili e riconoscibili anche fuori dall’ambito artistico, in altre vicende, in altri sistemi simbolici. L’arte dada non sarebbe stata riconosciuta come arte se un clima di anticonformismo e di opposizione ai luoghi comuni e agli stereotipi non fosse stato presente nella parte più sensibile della cultura del primo Novecento e il Surrealismo non avrebbe preso piede se il nuovo corso della psicologia, attento al valore del mondo onirico e della scoperta dell’importanza dell’inconscio, non stesse catturando l’attenzione di molti contemporanei di Breton, Eluard, Magritte e Dalì.

Quello dell’arte è un linguaggio veicolare per eccellenza. Gli artisti hanno sempre raccontato vicende e pensiero umani, hanno collaborato, con le immagini, alla costruzione delle grandi narrazioni religiose, mitologiche, storiche, hanno dato visibilità a eroismi, miserie, hanno immortalato personaggi, hanno crea­to figure dei fatti, delle idee, delle emozioni, hanno rappresentato le manifestazioni della natura e illustrato le leggi della fisica e le conquiste della scienza.

Se vogliamo utilizzare le risorse e i repertori dell’arte per educare non dobbiamo dunque pensare l’arte come una materia, ma come luogo d’incontro, di contaminazione e di continua reinvenzione dei linguaggi e, fin dalla prima infanzia, utilizzarla come risorsa attiva, in cui i linguaggi dell’arte vengono ricevuti e ricreati. John Dewey (1934) ci dice che l’arte è (e dovrebbe essere presentata come) “un’esperienza”, qualcosa di plastico, mobile, che si può toccare, interpretare, che sta dentro e non fuori dalla storia e dall’esistenza individuale e collettiva. Non a caso i bambini (e i giovani) si avvicinano al mondo dell’arte senza ostilità e diffidenza da quando esistono i laboratori museali, e se gli insegnanti di ogni materia (non solo quelli della disciplina specifica) utilizzassero i repertori dell’arte per illustrare i contenuti della loro offerta formativa, la “lezione” risulterebbe più interessante perché l’arte sarebbe finalmente accolta come dotata di bellezza e soprattutto di senso.

 

Bibliografia

Formaggio D., Arte, Isedi, Milano, 1981.

Poli F., Il sistema dell’arte contemporanea, Laterza, Roma-Bari, 2010.

Dewey J., L’arte come esperienza, Aesthetica, Palermo, 1996.

  

Abbonamento Bambini


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.