Condividi

Le parole dell'educazione
 
"Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una e la guardo fino a quando non comincia a splendere"
Emily Dickinson

La rubrica di Bambini riprende alcune tra le parole più significative dell'educazione, ripercorrendone i significati e aprendo a nuove stimolanti riflessioni  

 

Territorio

Matteo Taramelli

Dirigente area territorio, cooperativa sociale “Il Pugno Aperto”, Treviolo (Bg)

Dirigente area infanzia e politiche giovanili, consorzio “Solco Città Aperta”, Bergamo

 

 

Il Territorio. Perché?

La prospettiva di lavoro territoriale e comunitario per i servizi all’infanzia è un’attenzione necessaria, ed è una delle dimensioni di qualità dell’agire pedagogico e organizzativo evidenziata anche nel documento della UE “Quality Frame”.

Il tema centrale di questa attenzione è il fatto che un servizio all’infanzia non si occupa solo delle famiglie, dei bambini e delle bambine che nel quotidiano sono accolti, ma si propone come interlocutore e attore che pone, contemporaneamente e insieme, attenzione e energia per gestire ciò che accade nel servizio e fuori dal servizio. In questo modo il sistema dei servizi all’infanzia diventa una risorsa macrosistemica per tutta la comunità, un luogo di adesione e di coesione allargata, dove porre un fuoco di attenzione costante alle necessità di un target definito di popolazione.

Significa diventare, insieme, antenna e amplificatore: antenna che capta, che riceve, che legge i bisogni che rischiano di restare nascosti; amplificatore di azioni e di relazioni, nella consapevolezza che non tutti i bisogni dovranno trovare una soluzione nel servizio, ma lavorando affinché il servizio si possa fare promotore di risorse comunitarie, di messa in contatto di soggetti e forze diverse, financo non professionali.

Non si tratta, lo sottolineo, di “fare di più con meno” o di sostituire il lavoro professionale con il volontariato. Si vuole, invece, andare nella direzione della costruzione di un’attenzione condivisa e di una presa in carico diffusa delle situazioni di fragilità o, più in generale, dei bisogni letti nella comunità.

Agendo in questa direzione il territorio si “appropria” del servizio, si appassiona e diventa quindi a sua volta custode e partner progettuale importante. Questa relazione funziona però solo se l’apertura è reale e il coinvolgimento agito su aspetti concreti. Per scendere nel dettaglio: aprirsi al territorio non è semplicemente chiedere ore di volontariato per gestire la festa di primavera. Significa condividere strumenti, ipotesi organizzative, mettersi in gioco, lasciarsi anche “invadere”, nel rispetto del ruolo e delle competenze di ciascuno, nella logica di una governance allargata.

Il territorio in quest’ottica non è più né ospite nel servizio né semplice cliente. Per produrre nel tempo beni e servizi per la comunità in modo efficace, trasparente e senza finalità strumentali, serve capacità di aggregare una pluralità d’interessi rispetto a obiettivi comuni e apprendere costantemente da tale interazione come migliorare la propria attività.

È importante ricordare che il lavoro di territorio non è una “mansione” del coordinatore o del responsabile di servizio. È qualcosa di trasversale da mettere in atto nel quotidiano del servizio, a ogni livello. È quindi necessario che le persone accompagnate in questa logica siano supportate nella maturazione di strumenti professionali non scontati: lavorare con il territorio, parlare e accogliere le istanze della comunità è un’azione pensata e ragionata. È indispensabile mettere in atto una sospensione del giudizio, pur nella conferma del proprio ruolo professionale con autorevolezza e distacco. Significa ragionare sul proprio linguaggio, poiché spesso “l’educatese” è uno scoglio insormontabile per una reale collaborazione.

Dobbiamo saper “stare sul futuro”, avendo in mente la strategia a medio e lungo termine per il servizio e la meta verso la quale si vuole provare a condurre il progetto. Il territorio, in questa chiave, diventa una mentalità, non una mansione.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.